Ricercatori innovano per ampliare le opzioni di antivirali orali per il COVID-19

Ricercatori innovano per ampliare le opzioni di antivirali orali per il COVID-19

Un team di ricercatori dell’Università di Alberta si dedica a migliorare l’accessibilità dei farmaci antivirali orali per il COVID-19. Attualmente, l’unico antivirale somministrato per via orale approvato per il COVID-19 è il Paxlovid di Pfizer, che utilizza un attivatore metabolico per prolungare l’efficacia del farmaco nel corpo. Tuttavia, questo approccio limita il suo utilizzo per individui che necessitano di altri farmaci, in particolare pazienti immunocompromessi o con patologie croniche. Per affrontare questa limitazione, i ricercatori si sono impegnati nello sviluppo di antivirali di seconda generazione che possano essere assunti in modo sicuro insieme ad altri farmaci.

Utilizzando il Canadian Light Source (CLS) presso l’Università di Saskatchewan, il team di ricerca, guidato dalla professoressa Joanne Lemieux, ha analizzato in dettaglio la struttura molecolare del Paxlovid. Questo esame ha consentito loro di identificare le parti del farmaco che potevano essere modificate. Con queste informazioni, il team si è concentrato sulla modifica di una specifica parte della molecola del farmaco attivo, eliminando la necessità di un attivatore separato. Questo progresso potrebbe potenzialmente ampliare la gamma di individui che possono trattare in modo sicuro ed efficace le loro infezioni da COVID-19.

L’innovazione di questa ricerca sta nella sua capacità di aumentare la potenza del farmaco antivirale affrontando al contempo le sue limitazioni. Modificando la molecola del farmaco, i ricercatori hanno ampliato le possibili applicazioni del farmaco al di là delle restrizioni attuali. Questa scoperta potrebbe beneficiare notevolmente le popolazioni che in passato non potevano accedere a questa opzione di trattamento a causa delle loro terapie farmacologiche.

Sulla base dei loro successi, la professoressa Lemieux e i suoi colleghi continuano il loro lavoro nella progettazione di nuovi farmaci antivirali per combattere una serie di virus, inclusi quelli respiratori oltre al COVID-19. L’utilizzo delle strutture di sincrotrone del CLS è stato e continua a essere fondamentale per la loro ricerca, consentendo al team di compiere progressi significativi nel campo della scoperta di farmaci antivirali.

Mentre il mondo affronta minacce virali continue, l’innovazione nel campo dei farmaci antivirali svolge un ruolo cruciale nella salvaguardia della salute pubblica. Il impegno di ricercatori come la professoressa Lemieux e il suo team all’Università di Alberta sta aprendo la strada a trattamenti più accessibili ed efficaci non solo contro il COVID-19, ma anche contro futuri virus emergenti. I loro sforzi mettono in luce l’importanza della collaborazione, delle tecnologie avanzate e dell’impegno nel fornire soluzioni che beneficiano popolazioni diverse.

Sezione FAQ:

1. Qual è l’obiettivo del team di ricerca dell’Università di Alberta?
L’obiettivo del team di ricerca è migliorare l’accessibilità dei farmaci antivirali orali per il COVID-19 attraverso lo sviluppo di antivirali di seconda generazione che possano essere assunti in modo sicuro insieme ad altri farmaci.

2. Qual è l’antivirale somministrato per via orale attualmente approvato per il COVID-19?
L’antivirale somministrato per via orale attualmente approvato per il COVID-19 è il Paxlovid di Pfizer.

3. Come funziona il Paxlovid?
Il Paxlovid utilizza un attivatore metabolico per prolungare l’efficacia del farmaco nel corpo.

4. Perché l’uso del Paxlovid è limitato per alcuni individui?
L’uso del Paxlovid è limitato per individui che necessitano di altri farmaci, in particolare pazienti immunocompromessi o con patologie croniche.

5. Cosa hanno analizzato i ricercatori utilizzando il Canadian Light Source (CLS)?
I ricercatori hanno analizzato in dettaglio la struttura molecolare del Paxlovid utilizzando il Canadian Light Source (CLS).

6. Cosa hanno cercato di modificare nella molecola del farmaco i ricercatori?
I ricercatori hanno cercato di modificare una specifica parte della molecola del farmaco attivo, eliminando la necessità di un attivatore separato.

7. Qual è l’innovazione di questa ricerca?
L’innovazione di questa ricerca consiste nell’aumentare la potenza del farmaco antivirale affrontando al contempo le sue limitazioni, consentendo a una gamma più ampia di individui di trattare in modo sicuro ed efficace le loro infezioni da COVID-19.

8. Qual è l’importanza dell’utilizzo delle strutture di sincrotrone del CLS?
Le strutture di sincrotrone del CLS sono state cruciali per la ricerca, consentendo al team di compiere progressi significativi nel campo della scoperta di farmaci antivirali.

9. Quali sono i futuri piani di ricerca della professoressa Lemieux e dei suoi colleghi?
La professoressa Lemieux e i suoi colleghi hanno intenzione di continuare il loro lavoro nella progettazione di nuovi farmaci antivirali per combattere una serie di virus, inclusi quelli respiratori oltre al COVID-19.

10. Perché è importante l’innovazione nei farmaci antivirali?
L’innovazione nei farmaci antivirali svolge un ruolo cruciale nella salvaguardia della salute pubblica, specialmente di fronte a minacce virali continue. Consente lo sviluppo di trattamenti più accessibili ed efficaci contro il COVID-19 e futuri virus emergenti.

Definizioni:

– Farmaci antivirali orali: Farmaci assunti per via orale appositamente progettati per trattare infezioni virali.
– Attivatore metabolico: Una sostanza che aumenta l’efficacia di un farmaco prolungandone l’attività nel corpo.
– Pazienti immunocompromessi: Individui con un sistema immunitario indebolito, che li rende più suscettibili alle infezioni e alle malattie.
– Struttura molecolare: L’arrangiamento e l’organizzazione degli atomi all’interno di una molecola, che ne determina le proprietà e il comportamento.
– Scoperta di farmaci antivirali: Il processo di identificazione e sviluppo di nuovi farmaci che mirano e inibiscono specificamente le infezioni virali.

Link correlati suggeriti:

– Università di Alberta
– Canadian Light Source

All Rights Reserved 2021
| .
Privacy policy
Contact