The Impact of Acoustic Neuromas: Beyond the Signs of Aging

L’impatto delle neuromi acustici: oltre i segni dell’invecchiamento

SAN DIEGO, Calif. – Con l’avanzare dell’età, è facile ignorare certi sintomi come segni tipici dell’invecchiamento. Tuttavia, per alcune persone, questi segni apparentemente innocui potrebbero essere indicativi di qualcosa di molto più grave. I neuromi acustici, sebbene rari, possono avere conseguenze che cambiano la vita e potenzialmente pericolose per la vita.

Julie Sifford e sua figlia Eliza condividono un legame speciale, facendo tutto insieme. Tuttavia, quando Julie ha iniziato a sperimentare vertigini e capogiri, le loro attività sono diventate più sfidanti. Il ronzio nelle orecchie, noto come acufene, era gradualmente aumentato nel tempo, insieme ad una certa perdita dell’udito. Inizialmente, Julie attribuiva questi cambiamenti all’invecchiamento normale.

Indagini mediche successive, incluso una risonanza magnetica, hanno rivelato che Julie aveva un neuroma acustico: un piccolo tumore non canceroso delle dimensioni di un uva passa. Questo tumore esercitava pressione sul nervo principale che collega l’orecchio al cervello di Julie. Il dottor Rick Friedman, un neurotologo e professore presso il Programma dei neuromi acustici di UC San Diego Health, paragona l’effetto di questo tumore ad una crescita incontrollata che danneggia l’udito e, se non trattato, può persino comprimere il tronco cerebrale.

La rimozione di questi tumori richiede l’esperienza di specialisti come il dottor Friedman e il neurochirurgo dottor Mark Schwartz. Il loro obiettivo primario è rimuovere il tumore preservando l’udito ed evitando danni a eventuali nervi facciali. Nel caso di Julie, era sollevata nel scoprire che la sua capacità uditiva era stata preservata. Sebbene non recupererà ciò che ha perso, si sente fortunata che la sua condizione non peggiorerà ulteriormente. Non solo il suo equilibrio sta migliorando, ma attende con impazienza anche la prossima stagione di calcio.

I neuromi acustici si verificano a causa della sovraproduzione di cellule di Schwann nel sistema nervoso. A seconda delle dimensioni del tumore, i pazienti hanno tre opzioni: monitoraggio della crescita, radioterapia o chirurgia. La rimozione chirurgica è l’unica opzione garantita per prevenire ulteriori perdite uditive.

In conclusione, quando si sperimentano sintomi come perdita dell’udito, vertigini inspiegabili o ronzio nelle orecchie, è vitale non ignorarli come semplice parte naturale dell’invecchiamento. Ricercare assistenza medica e un intervento tempestivo può fare una differenza significativa nel preservare la propria qualità di vita. Restate attivi e attenti alla vostra salute e non lasciate che questi sintomi passino inosservati.

Domande frequenti (FAQ) sui neuromi acustici

D: Cosa sono i neuromi acustici?
R: I neuromi acustici sono piccoli tumori non cancerosi che si sviluppano a causa di una sovraproduzione di cellule di Schwann nel sistema nervoso. Di solito crescono sul nervo principale che collega l’orecchio al cervello.

D: Quali sono i sintomi dei neuromi acustici?
R: I sintomi dei neuromi acustici possono includere perdita dell’udito, acufene (ronzio nelle orecchie), vertigini inspiegabili e capogiri.

D: Come vengono diagnosticati i neuromi acustici?
R: Di solito è necessaria un’indagine medica, inclusa una risonanza magnetica, per diagnosticare un neuroma acustico.

D: Quali sono le possibili conseguenze dei neuromi acustici non trattati?
R: I neuromi acustici possono esercitare pressione sul nervo e danneggiare l’udito. Se non trattati, possono anche comprimere il tronco cerebrale, il che può essere potenzialmente pericoloso per la vita.

D: Come vengono trattati i neuromi acustici?
R: Le opzioni di trattamento per i neuromi acustici includono il monitoraggio della crescita, la radioterapia e l’asportazione chirurgica. L’asportazione chirurgica è spesso l’unica opzione garantita per prevenire ulteriori perdite uditive.

D: Quali specialisti sono coinvolti nel trattamento dei neuromi acustici?
R: Gli specialisti coinvolti nel trattamento dei neuromi acustici possono includere neurotologi e neurochirurghi con competenza in questo campo.

D: L’asportazione chirurgica dei neuromi acustici può preservare l’udito?
R: L’obiettivo dell’intervento chirurgico è rimuovere il tumore preservando l’udito ed evitando danni ai nervi del viso. Tuttavia, l’entità della preservazione dell’udito può variare a seconda del caso individuale.

D: Quanto è importante un intervento tempestivo quando si tratta di neuromi acustici?
R: Un’attenzione medica e un intervento tempestivo possono fare una differenza significativa nel preservare la propria qualità di vita quando si sperimentano sintomi dei neuromi acustici. È essenziale non ignorare questi sintomi come parte naturale dell’invecchiamento e cercare immediatamente assistenza medica.

Link correlati:
– UC San Diego: Il sito web ufficiale di UC San Diego Health, dove il dottor Rick Friedman è un professore presso il Programma dei Neuromi Acustici.
– Scuole e divisioni di UC San Diego: Una panoramica sulle scuole e le divisioni di UC San Diego, che ospitano vari programmi e dipartimenti medici.
– Informazioni su UC San Diego: Scopri di più sulla missione, la visione e i valori di UC San Diego.
– Contatti UC San Diego: Trova le informazioni di contatto per UC San Diego Health o altri dipartimenti per ulteriori assistenza.

All Rights Reserved 2021
| .
Privacy policy
Contact