FAPI-PET/CT Shows Superiority in Detecting Head and Neck Cancer

FAPI-PET/CT Mostra Superiorità nel Rilevare il Cancro alla Testa e al Collo

Uno studio recente pubblicato nel Journal of Nuclear Medicine ha scoperto che il fibroblast activation protein inhibitor (FAPI)-PET/CT supera il FDG-PET/CT nel rilevare i tumori primari nei pazienti affetti da cancro alla testa e al collo. La ricerca suggerisce che la FAPI-PET/CT potrebbe offrire una tecnica di imaging sensibile e affidabile per questi pazienti.

Il cancro alla testa e al collo di origine sconosciuta rappresenta una sfida per la diagnosi, poiché i pazienti spesso presentano linfonodi ingrossati ma l’origine del cancro è sconosciuta. Le attuali tecniche come la TC, la RM, la nasofaringoscopia e la laringoscopia hanno tassi di rilevamento bassi per i tumori primari. La F-18 FDG PET/CT, che visualizza il metabolismo del glucosio nelle cellule tumorali, ha mostrato un certo miglioramento nei tassi di rilevamento, ma può anche portare a risultati falsi positivi a causa dell’accumulo nel tessuto infiammato.

Al contrario, i radiotraccianti FAPI come il gallio-68 (Ga-68) FAPI hanno dimostrato promesse nel rilevare la malattia. Questi traccianti si legano specificamente alle cellule del fibroblasto nel tessuto di supporto dei tumori. Lo studio ha testato l’efficacia della FAPI-PET/CT nei pazienti affetti da cancro alla testa e al collo con tumori di origine sconosciuta in uno studio clinico prospettico.

I ricercatori hanno arruolato 91 pazienti con risultati negativi o equivoci dei tumori primari. Hanno eseguito la F-18 FDG e la Ga-68 FAPI-PET/CT entro una settimana e hanno registrato la presenza di tumori primari sui set di immagini. L’analisi ha mostrato che la Ga-68 FAPI-PET/CT ha rilevato più lesioni primarie rispetto alla F-18 FDG PET/CT e ha dimostrato una migliore sensibilità, valore predittivo positivo e precisione nel localizzare i tumori primari.

Inoltre, la Ga-68 FAPI-PET/CT ha portato a miglioramenti nei cambiamenti di trattamento in una percentuale significativa di pazienti. Lo studio si aggiunge ai promettenti risultati dell’imaging FAPI-PET/CT in vari altri tipi di cancro alla testa e al collo, come il carcinoma nasofaringeo, il cancro orofaringeo e il carcinoma duttale delle ghiandole salivari.

Data la scarsa sopravvivenza generale a cinque anni per i pazienti affetti da cancro alla testa e al collo con tumori primari sconosciuti, sono necessari ulteriori studi. I ricercatori hanno sottolineato la necessità di uno studio multicentrico per verificare i loro risultati. La FAPI-PET/CT ha il potenziale per migliorare significativamente la diagnosi e il trattamento del cancro alla testa e al collo, offrendo speranza per risultati migliori per i pazienti.

Domande frequenti (FAQs)

1. Cosa ha scoperto lo studio recente nel Journal of Nuclear Medicine?
Lo studio ha scoperto che il fibroblast activation protein inhibitor (FAPI)-PET/CT è migliore del FDG-PET/CT nel rilevare i tumori primari nei pazienti affetti da cancro alla testa e al collo. La FAPI-PET/CT potrebbe essere una tecnica di imaging sensibile e affidabile per questi pazienti.

2. Perché il cancro alla testa e al collo di origine sconosciuta è difficile da diagnosticare?
Il cancro alla testa e al collo di origine sconosciuta è difficile da diagnosticare perché i pazienti spesso presentano linfonodi ingrossati ma l’origine del cancro è sconosciuta. Le attuali tecniche come la TC, la RM, la nasofaringoscopia e la laringoscopia hanno tassi di rilevamento bassi per i tumori primari.

3. Cosa è la F-18 FDG PET/CT?
La F-18 FDG PET/CT è una tecnica che visualizza il metabolismo del glucosio nelle cellule tumorali. Ha mostrato un certo miglioramento nei tassi di rilevamento dei tumori primari nei pazienti affetti da cancro alla testa e al collo, ma può anche portare a risultati falsi positivi.

4. Come funzionano i radiotraccianti FAPI?
I radiotraccianti FAPI, come il gallio-68 (Ga-68) FAPI, si legano specificamente alle cellule del fibroblasto nel tessuto di supporto dei tumori. Hanno mostrato promesse nel rilevare la malattia.

5. Quali sono stati i risultati dello studio riguardanti la FAPI-PET/CT?
Lo studio ha arruolato 91 pazienti con risultati negativi o equivoci dei tumori primari. La Ga-68 FAPI-PET/CT, rispetto alla F-18 FDG PET/CT, ha rilevato più lesioni primarie e ha dimostrato una migliore sensibilità, valore predittivo positivo e precisione nel localizzare i tumori primari.

6. La FAPI-PET/CT ha mostrato risultati positivi in altri tipi di cancro alla testa e al collo?
Sì, l’imaging FAPI-PET/CT ha mostrato risultati promettenti in vari altri tipi di cancro alla testa e al collo, come il carcinoma nasofaringeo, il cancro orofaringeo e il carcinoma duttale delle ghiandole salivari.

7. Qual è l’importanza di ulteriori studi?
Data la scarsa sopravvivenza generale a cinque anni per i pazienti affetti da cancro alla testa e al collo con tumori primari sconosciuti, sono necessari ulteriori studi. I ricercatori hanno sottolineato la necessità di uno studio multicentrico per verificare i loro risultati ed esplorare il potenziale della FAPI-PET/CT nel migliorare la diagnosi e il trattamento del cancro alla testa e al collo.

Link correlati:
– Journal of Nuclear Medicine

All Rights Reserved 2021
| .
Privacy policy
Contact