Aumento dei decessi non correlati a COVID-19 e perdita della vista nelle persone con diabete durante la pandemia

Aumento dei decessi non correlati a COVID-19 e perdita della vista nelle persone con diabete durante la pandemia

Una recente revisione dello studio globale, diretta da un ricercatore di sanità pubblica presso l’Università del Massachusetts Amherst, ha rivelato che la pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto significativo sulle persone con diabete. Lo studio, commissionato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e pubblicato su The Lancet Diabetes and Endocrinology, ha esaminato gli effetti delle interruzioni legate alla pandemia su questa popolazione vulnerabile.

La revisione ha analizzato 138 studi provenienti da diverse regioni, confrontando i periodi pre-pandemia e durante la pandemia. I risultati hanno mostrato un allarmante aumento dei decessi non correlati a COVID-19 tra le persone con diabete durante la pandemia. Inoltre, è stata riscontrata un’incremento delle complicanze del diabete legate alla perdita della vista.

Inoltre, la revisione ha evidenziato una preoccupante tendenza di ricoveri in terapia intensiva pediatrica legati al diabete, in particolare tra bambini e adolescenti. I casi di chetoacidosi diabetica (DKA), una complicanza grave e potenzialmente letale del diabete, sono aumentati anche in questo gruppo di età. Questi casi includevano sia nuovi casi di diabete che DKA concomitante, indicando una presentazione più grave.

L’impatto sui bambini è stato riscontrato in modo consistente in tutti i paesi, sottolineando l’importanza dei ricoveri in terapia intensiva pediatrica e della DKA in questa popolazione. L’accesso alle cure sanitarie e l’utilizzo dei servizi sanitari sono stati identificati come fattori contribuenti a questi risultati preoccupanti.

L’autrice principale dello studio, Jamie Hartmann-Boyce, ha sottolineato la necessità di screening regolari degli occhi, poiché l’accesso ridotto alle cure sanitarie durante la pandemia ha portato a un aumento dei casi di perdita della vista nelle persone con diabete. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto un numero inaspettatamente elevato di nuovi casi di diabete di tipo 1, con i bambini appena diagnosticati che erano più malati rispetto a quelli diagnosticati prima della pandemia.

La gestione del diabete, compresa l’autocura con una dieta corretta, attività fisica e routine costanti, è diventata un’impresa difficile durante la pandemia. Lo studio ha evidenziato le esperienze personali delle persone con diabete, ispirando ulteriori ricerche sugli impatti indiretti della pandemia sulla gestione del diabete.

La revisione ha sottolineato che gli impatti negativi sono stati più pronunciati tra le donne, i giovani e i gruppi minoritari dal punto di vista etnico e razziale. Questi risultati evidenziano l’importanza di considerare tali disparità nella pianificazione della pandemia e garantire un accesso equo alla medicazione e alle cure per tutte le persone con diabete.

Sebbene lo studio fornisca preziose informazioni sugli effetti immediati della pandemia sulle persone con diabete, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere le conseguenze a lungo termine. Hartmann-Boyce spera di aggiornare la revisione in futuro per esplorare gli impatti ritardati che potrebbero emergere nel corso del prossimo decennio.

In definitiva, questo studio rappresenta un severo ricordo delle sfide affrontate dalle persone con diabete durante la pandemia e sottolinea la necessità di una pianificazione sanitaria completa e di un supporto per questa popolazione vulnerabile.

FAQ: L’impatto di COVID-19 sulle persone con diabete

D: Qual è il principale risultato dello studio?
R: Lo studio rivela che la pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto significativo sulle persone con diabete, inclusa un aumento dei decessi non correlati a COVID-19 e delle complicanze legate al diabete.

D: Quanti studi sono stati analizzati nella revisione?
R: La revisione ha analizzato 138 studi provenienti da diverse regioni.

D: Quali sono stati gli impatti specifici sui bambini con diabete?
R: La revisione ha riscontrato un allarmante aumento dei ricoveri legati al diabete in terapia intensiva pediatrica, in particolare tra bambini e adolescenti. I casi di una grave complicanza chiamata chetoacidosi diabetica (DKA) sono aumentati anche in questo gruppo di età.

D: Quali sono stati i fattori contribuenti a questi risultati preoccupanti per i bambini?
R: L’accesso alle cure sanitarie e l’utilizzo dei servizi sanitari sono stati identificati come fattori contribuenti all’aumento dei ricoveri in terapia intensiva pediatrica e dei casi di DKA.

D: Qual è la raccomandazione per le persone con diabete?
R: L’autrice principale dello studio ha sottolineato la necessità di screening regolari degli occhi e ha evidenziato l’importanza della gestione del diabete, compresa l’autocura con una dieta corretta, attività fisica e routine costanti.

D: A chi hanno colpito maggiormente gli impatti negativi della pandemia?
R: Gli impatti negativi sono risultati più pronunciati tra le donne, i giovani e i gruppi minoritari dal punto di vista etnico e razziale.

D: Cosa suggerisce lo studio riguardo alla pianificazione della pandemia?
R: I risultati rafforzano l’importanza di considerare le disparità e garantire un accesso equo alla medicazione e alle cure per tutte le persone con diabete nella pianificazione della pandemia.

D: Qual è la richiesta di ulteriori ricerche?
R: Sebbene lo studio fornisca preziose informazioni sugli effetti immediati della pandemia sulle persone con diabete, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere le conseguenze a lungo termine e gli impatti ritardati che potrebbero emergere nel corso del prossimo decennio.

D: Qual è il messaggio complessivo dello studio?
R: Lo studio rappresenta un ricordo delle sfide affrontate dalle persone con diabete durante la pandemia e sottolinea la necessità di una pianificazione sanitaria completa e di un supporto per questa popolazione vulnerabile.

Definizioni:
– Chetoacidosi diabetica (DKA): Una complicanza grave e potenzialmente letale del diabete caratterizzata da livelli elevati di chetoni nel sangue.
– The Lancet Diabetes and Endocrinology: Una rinomata rivista medica che ha pubblicato lo studio.

Link correlati suggeriti:
Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)
Associazione Americana del Diabete

All Rights Reserved 2021
| .
Privacy policy
Contact